Progetto

 

 

Microcredito è l'attività di prestito di piccole somme di denaro a soggetti esclusi dal circuito ordinario del credito. Essi sono definiti "non bancabili" principalmente a causa della assenza di una "storia" di relazione con le banche, e a causa della propria incapacità di portare a garanzia altro che il proprio lavoro e la propria buona volontà. Nel corso di oltre 30 anni, da piccole esperienze di sostegno alle attività artigianali ed agricole delle donne in Bangladesh, sostenute dalla tenace opera del Prof. Yunus, che per ciò ottenne nel 2000 il Premio Nobel per la Pace, la Microfinanza (prestiti + servizi di sostegno agli altri bisogni primari, educazione e salute in primis) è oggi l'attività finanziaria primaria nei paesi cosiddetti in via di sviluppo, ed è un fondamentale supporto all'integrazione nei paesi ricchi. In Italia esiste un movimento molto solido di sostegno al microcredito sotto il profilo istituzionale, a cominciare dal riconoscimento da parte di Banca d'Italia dello status giuridico "speciale" delle imprese dedicate. Ciò permette l'aggregazione di risorse economiche esclusive che fanno da garanzia alle erogazioni da parte degli istituti di credito, e permettono di mantenere calmierato il prezzo del denaro. Proprio il tasso di interesse, che nei paesi poveri, in linea con la elevata inflazione di quei paesi, è molto alto, è l'aspetto chiave della riuscita delle attività di microcredito in Italia: troppo alto non si distinguerebbe da quello applicato da qualunque società finanziaria; troppo basso non determinerebbe altro che una forma di assistenza, incapace di azionare la leva principale che ha permesso alla microfinanza di essere così importante: la fiducia.

L'attività di microcredito del club si è concretizzata, nell'anno 2015-2016, con la conclusione di due accordi operativi con organizzazione per la selezione di progetti di microcredito, progetti che verranno finanziati con i fondi del trust. Il primo accordo è stato stipulato tra il Trust e il Solidarity House Community based Organization (SHCBO), di Meru (Kenia), per il finanziamento di progetti in loco. Il secondo con la Fondazione Anti Usura S. maria del Soccorso, al fine di avviare progetti di microcredito per consentire il riavvio dell'attività economica di vittime dell'usura. tali accordi sono in corso e hanno portato all'avvio di svariati progetti operativi.